Home Salute Prevenzione La salmonellosi

La salmonellosi

5 min read
0
0
3

Tra le diverse malattie alimentari che possono insorgere in seguito all’ingestione di cibi o liquidi contaminati è utile ricordare la salmonella o salmonellosi: essa – il cui nome scientifico è  Salmonella typhimurium – è una infezione dell’apparato digerente la quale viene provocata da batteri appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae, del genere Salmonella.

Essa colpisce generalmente gli animali, in quanto i batteri di salmonella sono per la maggior parte presenti nell’apparato gastrointestinale degli animali, ma in alcuni casi la salmonellosi può colpire l’uomo, anche perché alcuni batteri di salmonella sono esclusivi dell’essere umano, come la “Salmonella typhi” e la “Salmonella paratyphi”, i quali sono responsabili della febbre tifoide e delle febbri enteriche in genere.

COME SI TRASMETTE:

La salmonellosi si può contrarre per via oro-fecale, attraverso l’ingestione di cibi e liquidi contaminati da feci umane o animali infette, le quali però alla vista ed all’olfatto non presentano alcuna alterazione. Inoltre, essa può essere trasmessa anche attraverso ferite, tagli o ulcere, per contatto di materiale contaminato con le congiuntive, od altre mucose ( ad esempio con inalazione).

 Tra i cibi generalmente considerati più a rischio ricordiamo:

  • carne cruda;
  • uova;
  • pollame;
  • latte non pastorizzato e i suoi derivati;
  • maionese fresca;
  • creme e succhi di frutta non pastorizzati.

Più in generale, i cibi contaminati possono anche consistere in alimenti precotti, ma la contrazione della malattia può avvenire anche per mezzo del contatto con portatori della malattia stessa o in ambiente ospedaliero.

SINTOMI:

La salmonellosi può presentare un periodo di incubazione che varia fra le 12 e le 72 ore, ed i sintomi – che iniziano già a 12-24 ore dall’ingestione del cibo contaminato – possono riguardare fenomeni di dolori gastrici più o meno forti, con conseguenti dolori addominali ed una fastidiosa sensazione di “sapore di uova marce”.

Questi sintomi si possono aggravare nell’arco delle ore e quindi riguardare fenomeni di diarrea, vomito, disidratazione, insufficienza renale, febbre elevata, e portare addirittura in esito fatale in alcuni casi, se non curata tempestivamente.

SOGGETTI A RISCHIO:

Per un adulto sano, le possibilità di contrarre l’infezione a seguito di un contatto con microrganismi infetti sono piuttosto basse, mentre si rivelano a maggior rischio tutti i soggetti più recettivi e potenzialmente poco forti, come i neonati ed i bambini con meno di 6 anni, ma anche le donne in gravidanza, gli anziani, gli ammalati ed i soggetti immunodepressi.

CURA DELLA SALMONELLOSI:

Una diagnosi tempestiva può essere un valido aiuto per curare la malattia ed evitare che si verifichino peggioramenti (è sufficiente effettuare una semplice analisi del sangue): tuttavia, nella maggior parte dei casi è sufficiente intraprendere una terapia di supporto attraverso la somministrazione per lo più di farmaci antidiarroici, soluzioni reidratanti e probiotici (supplementi alimentari con microrganismi vivi).

  • Salmonellosi – che cos’è e come si cura

    La salmonellosi è un’intossicazione alimentare le cui manifestazioni morbose sono causate …
Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
Load More In Prevenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…