Home Alimentazione - Nutrizione alimenti - specifiche Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

9 min read
0
0
27
CARNE COLTIVATA

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Più di un secolo fa, i produttori di latte davano l’allarme sulla margarina , insistendo sul fatto che non si trattava di burro, e quindi dovevano essere classificati in modo diverso. La Food and Drug Administration americana, pochi mesi fa, ha organizzato un convegno sulla carne preparata in laboratorio e sulla questione se sia corretto  chiamarla “carne”.

La carne prodotta in laboratorio sta ricevendo grande attenzione, ma porterà a varie tipologie di produzione e quindi di denominazione in etichetta. Molti ricercatori nel campo della biologia sintetica stanno usando la tecnologia per creare aromi e fragranze non presenti in natura, come Christina Agapakis, una biologa che è la direttrice creativa di Ginkgo Bioworks. Gingko, una società di biologia sintetica con sede a Boston, non progetta direttamente la carne prodotta in laboratorio, ma i suoi scienziati ingegnerizzano geneticamente i microbi per produrre profumi e cibo.
carne coltivata
La redazione del sito theverge.com ha intervistato Agapakis sullo stato della carne coltivata, il legame tra biologia sintetica e sostenibilità e il futuro del cibo.

Sembra che questa discussione sull’etichettatura dei cibi sintetici abbia ripercussioni che vanno oltre la carne coltivata in laboratorio.
Quali sono alcuni dei paralleli che vedi nel campo della biologia sintetica nel suo complesso?

C’è sicuramente un dibattito più ampio di quello che riguarda la sola carne. Ad esempio, i microbi geneticamente modificati sono naturali o artificiali? Dal punto di vista normativo, sono etichettati come “naturali” perché provengono da piante, ma c’è sicuramente questa ambiguità intorno ad esso.
Anche se qualcosa prodotto da un microbo geneticamente modificato potrebbe essere biologico, non sembra quello che la maggior parte della gente pensa come “naturale“.
Il dibattito è in corso, e si inserisce in uno ancora più grande che risale a 100 anni fa sul fatto che la margarina sia vero burro.

Il fatto è che il consumatore si preoccupa di come sono fatte le cose.
C’è un motivo per fare le cose usando la biologia sintetica.
Per molti prodotti, è possibile realizzare le cose in modo più sostenibile o etico rispetto al solito.

Può fare un esempio di come la biologia sintetica renda qualcosa più sostenibile?

Ad esempio, se si desiderasse ottenere una quantità sufficiente di profumo naturale di rose da inserire nel detersivo per lavatrice, sarebbe necessario più terreno di quello attualmente disponibile sulla Terra per coltivare le rose.
Quindi se si riesce a produrre alcuni di questi composti, si abbassano i costi e i danni ambientali per la coltivazione di questi ingredienti speciali. E si potrebbe avere accesso a cose che ora sono limitate perché sono in pericolo, come il sandalo per i profumi di alta gamma.

Quindi vogliamo che le persone sappiano che la nostra produzione è  sostenibile.
Almeno a Gingko, siamo sostenitori dell’etichettatura degli OGM e dell’etichettatura specifica di tutti questi ingredienti.

L’etichettatura degli OGM è stata controversa, giusto?
A causa del timore che la gente possa fraintendere e non comprarlo?

Giusto, ma non credo che questo sia effettivamente confermato nelle ricerche di mercato.
Recentemente è stato pubblicato un articolo su come l’etichettatura degli OGM può rendere le persone meno contrarie:  “Se me lo stai nascondendo, deve essere cattivo.”
Altri studi suggeriscono che non ha alcun impatto sulle vendite.

Il punto è dire che “è carne coltivata“, giusto?
In questo momento si tratta di una conversazione speculativa e gran parte della discussione sull’etichettatura è prematura rispetto a ciò che è la tecnologia attuale.

carne coltivata infografica

Si parla molto, ma non è ancora sul mercato.

Non penso che la carne coltivata si stia avvicinando al tipo di costi di cui avresti bisogno per mettere qualcosa sul mercato e competere con la carne vera. È costoso da fare.
Ci sono anche complicazioni tecniche e, oltre al sapore, è importante anche la consistenza, per esempio, quella di una bistecca. Le persone riconoscono la carne anche da questo, non solo da sapore.
Quello che attualmente si può fare è limitato.

Gran parte del costo è solo il costo del lavoro. Anche il costo del siero e dei materiali per coltivarlo non sono insignificanti. L’uso del siero è un controsenso della produzione della carne in vitro oggi.
Non esiste una soluzione che non usi il siero e quel siero proviene da mucche macellate, quindi è ancora un sottoprodotto dell’industria della carne. È solo più a valle.

In generale, quali sono i grandi problemi con lo sviluppo di questo tipo di progetti?

Ogni singolo progetto avrà le proprie sfide tecniche uniche. Uno dei maggiori problemi di scala è pensare alla concorrenza con ciò che sta cercando di sostituire.
Pensiamo ai biocarburanti. La sfida è difficile perché il costo del petrolio è così basso e il suo uso si è sviluppato grandemente.
Allo stesso modo, la carne coltivata sarà difficile da far utilizzare e diffondere.
La carne è economica ed è ormai consumata da tutti.
È una merce, ed è davvero difficile competere con le materie prime. E, naturalmente, l’industria della carne ha molti lobbisti. Sarà interessante vedere cosa succede.

Con la biologia sintetica e il futuro del cibo, non c’è attualmente un progetto preferenziale. Non c’è una cosa sicura. Non c’è nulla di inevitabile. Sta per evolversi, crescere e cambiare, e come ciò accadrà si svilupperà in tanti possibili modi.
Spero di arrivare a un momento in cui vedremo la massima trasparenza riguardo i cibi sintetici, come “Lascia che ti dica tutto su come produciamo carne, sia in laboratorio che nei macelli”.

FONTE:  theverge.com

Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
  • Fabbisogno alimentare di proteine

    LE PROTEINE NELL’ALIMENTAZIONE Le proteine dell’alimentazione, oltre ad essere…
  • Una birra al giorno…

    Qualcuno si starà chiedendo come mai abbiamo inserito una bevanda come la birra, dalle ric…
  • Voglia di Zuccheri?

    Di che cosa sentiamo maggiormente la mancanza quando iniziamo a fare una dieta? Ovvero, qu…
Load More In alimenti - specifiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è il ritmo circadiano – Premio Nobel 2017

Che cosa è il ritmo circadiano? Riassumiamo molto brevemente cosa è il ritmo circadiano. S…