I batteri

4 min read
0
0
2

Quando parliamo di batteri, pensiamo immediatamente a dei microorganismi del tutto invisibili ad occhio nudo, la cui presenza è registrata ovunque, nel nostro corpo e in tutto l’ambiente che ci circonda, a partire da zone ospitali fino ad ambienti più inospitali, come i ghiacciai oppure i fondali oceanici.

I batteri sono dei procarioti, generalmente di tipo unicellulare, le cui dimensioni, come è facile immaginare, sono davvero ridotte al minimo: essi infatti sono nell’ordine del micrometro, che è la milionesima parte del metro, ed in genere oscillano tra 0,2 e 10 µm.

La forma di un batterio non è sempre fissa ed uguale a sé stessa, ma può variare a seconda di casi e circostanze e soprattutto a seconda del tipo di batterio. Essa può essere:

–         Sferica;

–         A bastoncello;

–         A virgola;

–         A spirale;

–         A cavatappi;

Tipico nome dei batteri a forma sferica è “cocco”, mentre il bacillo rappresenta quello con la classica forma a bastoncello; si chiamano invece vibrioni i batteri con la forma a virgola, in quanto essa ricorda una curvatura, mentre per la classica forma ad elica cilindrica a passo ampio (detta anche a spirale) ricordiamo gli spirilli, ed infine gli spirocheta (tipica forma a cavatappi) per l’elica cilindrica a passo breve.

La riproduzione dei batteri è semplice: essendo asessuati, ogni batterio (chiamato anche cellula madre) si scinde in due unità, dando origine a due cellule figlie identiche all’originale, in un processo che può dare vita ad aggregati batterici, da cui possono originare colonie costituite da cellule diverse per numero e posizione.

Di queste ricorderemo:

–         I diplococchi, ovvero batteri associati a due a due;

–         Gli streptococchi, classici batteri “a catenella”;

–         I tetradi, come la stessa parola suggerisce gruppi di quattro cellule;

–         Le sarcine, ovvero otto cocchi a forma di cubo;

–         Gli strafilococchi, ovvero i batteri dalla forma a grappolo.

Successivamente alla riproduzione, che come abbiamo detto avviene in maniera semplice o per scissione binaria, avviene la crescita della popolazione batterica segue un andamento caratteristico in quattro fasi:

–         FASE DI LATENZA: i batteri sintetizzano le sostanze necessarie per prepararsi alla divisione e non aumentano di numero. La durata di questa fase preliminare varia da specie a specie ed in relazione alle condizioni ambientali.

–         FASE DI CRESCITA ESPONENZIALE: ogni 10 – 60 minuti il numero di batteri raddoppia secondo uno sviluppo detto logaritmico.

–         FASE STAZIONARIA: vi è un calo delle sostanze nutritive ed il numero delle nuove cellule equivale a quello dei batteri morti.

–         MORTE: il numero delle cellule in grado di riprodursi è nettamente inferiore a quello dei batteri morti a causa del calo delle sostanze nutritive.

Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
  • I disturbi dell’ipotensione

    Generalmente, si ritiene che l’ipotensione (pressione bassa) sia una patologia di pa…
  • Diverticoli all’esofago: cosa sono?

    Molto spesso non ci si accorge di averli perché non danno sintomi particolari ma se sono d…
  • Affrontare la menopausa

    La menopausa è una fase normale della vita di ogni donna ma spesso è vissuta con disagio. …
Load More In Patologie secondarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…