Home Patologie secondarie Disturbi alimentari Diagnosticare la celiachia

Diagnosticare la celiachia

8 min read
0
0
1

Cause
La celiachia è una malattia causata soprattutto da fattori genetici, ma anche alcune vicende della vita ne possono favorire l’insorgenza, come ad esempio:

  •  Una gravidanza;         
  •  Un intervento chirurgico;         
  •  Un parto;      
  •  Un’infezione virale;      
  •  Altre occasioni di stress acuto.

Uno dei fattori principali che può avere un ruolo decisivo nello sviluppo della celiachia secondo alcuni studi è proprio l’allattamento al seno, considerato come elemento ritardante e protettivo nella manifestazione della celiachia. Oltre a queste cause legate alla sfera psicologica dell’individuo, altre cause che portano alla celiachia. Sono presumibilmente due:

1.      Le abitudini alimentari, soprattutto il tipo di alimentazione;

2.      La quantità di glutine introdotto nella dieta.

Diagnosi
Fare una diagnosi circa la celiachia è molto arduo, in quanto questa intolleranza si manifesta in maniera molto simile ad altre malattie intestinali, o alla depressione o a casi di stanchezza cronica. Inoltre in una percentuale non piccola di casi, la celiachia non sviluppa alcun sintomo evidente ma comporta comunque un danneggiamento dei tessuti intestinali. Essendo così difficile effettuare una diagnosi specifica della celiachia, per avere informazioni attendibili bisogna ricorrere a due tipi di analisi elencati subito dopo:

1.      L’esame al sangue, che permette di rivelare la presenza di alcuni anticorpi come l’antigliadina, antireticolina e antiendimisio. Un esame più recente permette di identificare anche la presenza di un altro anticorpo, l’antitransglutaminasi;

2.      L’esame degli autoanticorpi se risulta essere positivo sarà coadiuvato nella diagnosi dalla biopsia intestinale.

Quali sintomi comporta la celiachia
La celiachia si manifesta con sintomi differenti che possono presentarsi in diverse fasi della vita; i sintomi più diffusi della celiachia possono essere i seguenti:

  • dolori addominali ricorrenti;      
  • diarrea cronica;
  • perdita di peso;
  • feci chiarea;       
  • anemia;      
  • produzione di gas;   
  • dolori alle ossa;       
  • cambiamenti comportamentali;      
  • crampi muscolari;       
  • stanchezza;        
  • crescita ritardata;         
  • dolori articolari;        
  • insensibilità agli arti;        
  • ulcere dolorose nella bocca;
  • irritazioni della pelle;         
  • danneggiamento dello smalto e del colore dei denti;
  • irregolarità dei cicli mestruali.

A causa della molteplicità di sintomi che si possono presentare agli individui colpiti, la celiachia può essere classificata in diversi modi. Vi sono:

  •  la celiachia tipica, che ha come sintomatologia la diarrea e l’arresto della crescita; 
  • la celiachia atipica, che si presenta tardivamente con sintomi soprattutto extraintestinali (come l’anemia);
  • la celiachia silente, nella quale mancano sintomi evidenti;        
  • la celiachia potenziale, evidenziata da esami sierologici positivi (presenza di antigliadina) ma con biopsia intestinale normale. 

La celiachia nei bambini
Nella maggior parte dei casi, la celiachia si evidenzia a distanza di circa qualche mese dall’introduzione del glutine nella dieta, con un quadro clinico caratterizzato dai seguenti elementi:

  • diarrea,        
  • vomito,     
  • anoressia,       
  • irritabilità,        
  • arresto della crescita,  
  • calo ponderale.

 Nelle forme che esordiscono tardivamente, dopo il secondo o terzo anno di vita del bambino, la sintomatologia gastroenterica è per lo più sfumata e in genere prevalgono altri sintomi, quali: ·        

  • deficit dell’accrescimento della statura e/o del peso,       
  • ritardo dello sviluppo puberale,         
  • dolori addominali ricorrenti,       
  • anemia sideropenica, che non risponde alla somministrazione di ferro per via orale.

Come trattare la celiachia
L’unico trattamento possibile per la celiachia è una dieta appropriata, priva di glutine, che permette di ridurre ed eventualmente eliminare i sintomi e di ricostituire i tessuti intestinali. La capacità di ripresa e di recupero dei tessuti danneggiati, però, dipende anche da molti altri fattori come:·        

  • l’età in cui la malattia viene diagnosticata;       
  • il grado di danneggiamento;
  • l’assunzione da parte dell’individuo di altri farmaci che possono interferire.

In generale, se la dieta viene rispettata, e la malattia è solo all’inizio, è possibile restituire un funzionamento normale all’intestino, con ricostituzione dei villi, nel giro di 3-6 mesi. In adulti malati da tempo, la dieta riesce a eliminare i sintomi in periodi più lunghi, fino a raggiungere anche i due anni. Oggi un altro modo per scoprire la presenza della celiachia nell’organismo di un individuo, è rappresentato dal cosiddetto testfai-da-te”, che rappresenta  uno strumento ideale per lo screening di primo livello di questa intolleranza alimentare, lo Xeliac Test, consente appunto, di sapere in pochi minuti comodamente da casa propria se si è intolleranti al glutine. Questo test, si acquista in farmacia al costo di 30 euro e può essere effettuato a casa, basta, infatti, estrarre con l’apposito pungi dito, compreso nel kit, una goccia di sangue, inserirla in una provetta con uno speciale diluente, agitare e inserire una piccola striscia reagente. Se il test è stato effettuato correttamente ed è negativo comparirà sulla striscia un’unica banda trasversale, nel caso invece di positività le bande saranno due e sarà necessario consultare il proprio medico per ulteriori accertamenti.

  • Celiachia: numeri e nozioni

    La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine e, in particolare ad alcune sue…
  • Celiachia: curarsi con la dieta

    Alcune malattie come intolleranze, allergie, diabete, malattie cardiovascolari, etc..richi…
  • Curare la celiachia

    La dieta priva di glutineIl problema della celiachia è innanzitutto diagnosticarla. A ques…
Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
  • Le malattie alimentari

    Sono molte al giorno d’oggi le malattie alimentari le quali si manifestano, di solit…
  • Celiachia: numeri e nozioni

    La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine e, in particolare ad alcune sue…
  • Curare la celiachia

    La dieta priva di glutineIl problema della celiachia è innanzitutto diagnosticarla. A ques…
Load More In Disturbi alimentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…