Home Patologie gravi Cardiopatia e ipertensione Il pacemaker: quando il cuore non ce la fa

Il pacemaker: quando il cuore non ce la fa

6 min read
0
0
47

Il pacemaker (o generatore di impulsi) è un dispositivo che consente di stimolare elettricamente il cuore e di normalizzarne il suo ritmo. Quando la frequenza cardiaca scende sotto limiti normali o diviene irregolare, la quantità di sangue pompata dal cuore può essere insufficente per soddisfare le richieste dell’organismo, con conseguente comparsa di sintomi come vertigini, svenimenti, affaticamento e palpitazioni. Ecco che, in questi casi, risulta indispensabile l’uso del pacemaker. Il pacemaker è costituito da un involucro in cui alloggia una batteria. Si tratta di una serie di circuiti elettrici collegati, a loro volta, al cuore attraverso fili elettrici chiamati elettrocateteri, la cui funzione è quella di veicolare gli impulsi elettrici dalla batteria al cuore, seguito dalla sua contrazione.Il pacemaker: quando il cuore non ce la fa I più semplici pacemaker sono i monocamerali, così chiamati perché collegati ad un elettrodo fissato ad una sola camera cardiaca, di solito il ventricolo o l’atrio destro e i bicamerali, dotati di due elettrodi, solitamente posti uno nell’atrio destro e l’altro nel ventricolo destro. La messa in atto del pacemaker richiede al paziente un intervento chirurgico, eseguito in anestesia locale. Viene eseguita una incisione di 3 o 4 centimetri in sede sottoclavicolare. Si isola una piccola vena in cui si inserisce l’elettrocatetere, posto nelle cavità cardiache, attraverso l’uso di raggi X (fluoroscopia). Dopodiché, si pratica una seconda incisione per creare una piccola tasca sotto la pelle dove verrà posizionato lo stimolatore. In genere, l’intervento richiede una o due ore a seconda del dispositivo da impiantare. Dopo 48 ore dall’intervento il paziente può essere dimesso. Prima di abbandonare l’ospedale, il paziente riceve una tessera dove sono contenuti i dati del medico, il tipo di stimolatore impiantato, gli elettrocateteri impiegati, i controlli eseguiti, i parametri di stimolazione. Viene consigliato di portare sempre il tesserino con se e di esibirlo in tutte quelle circostanze in cui venga richiesto. Solitamente, il controllo del pacemaker viene eseguito ogni sei mesi, salvo eccezioni e casi particolari. Vengono effettuati presso il centro in cui il paziente è stato operato. Il controllo è finalizzato all’informazione sul funzionamento dello stimolatore, variazione dei parametri di stimolazione in base alle esigenze cliniche, controllo della carica della batteria, il cui scaricamento è preavvertito molti mesi prima. In genere, la durata di un pacemaker è compresa tra i cinque e i dieci anni. Quando si entra nella fase di scaricamento della batteria del pacemaker si procede con la sostituzione dello stimolatore, effettuabile nelle settimane successive con un intervento molto più semplice e rapido del primo. Il medico comunica con il pacemaker attraverso un programmatore che è costituito da un computer dotato di una sonda che ha la funzione di inviare segnali radio al pacemaker .La procedura è indolore e durante il controllo si possono raccogliere informazioni utili sul comportamento dello stimolatore e su eventuali aritmie presentate dal paziente. Il pacemaker rappresenta un valido sostegno del cuore, estremamente utile nei casi in cui il paziente è affetto da un’aritmia che provoca un rallentamento del ritmo cardiaco (bradicardia). Oggi è possibile utilizzare il pacemaker anche per alcune forme di aritmia diverse come la fibrillazione ventricolare, aritmia molto grave che impedisce la contrazione cardiaca, causando immediatamente perdita di conoscenza e morte se non prontamente trattata. In questi casi, viene impiantato un pacemaker particolare chiamato defibrillatore impiantabile o ICD (Implantable Cardioverter Defibrillator), in grado di erogare una scarica elettrica di defibrillazione ogni volta che questa aritmia si manifesta, consentendo il ripristino di un normale ritmo cardiaco.

Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
Load More In Cardiopatia e ipertensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…