I benefici del tennis

6 min read
0
0
31

Il tennis è uno degli sport più praticati in Italia; a confermarlo sono le statistiche: superano il milione gli italiani che dichiarano di praticarlo. Se praticato correttamente, il tennis può dare i suoi frutti e i suoi benefici, assolutamente da non sottovalutare. Ad armonizzare questo sport sono tanti parametri, uno dei più noti è l’accorpamento tra capacità fisica e capacità tecnica, ma non sono gli unici: a giocare un ruolo molto importante sul campo in terra battuta è la capacità di cordinare l’azione fisica con quella mentale, in due parole, strategia e tattica. I benefici del tennisPrima di passare ai molteplici benefici che il tennis apporta al nostro corpo, vediamo prima quali sono i piccoli danni che può provare questo sport, completo e piacevole da giocare. Bello ma faticoso, il tennis mette a dura prova la nostra resistenza fisica: le numerose variazioni di ritmo provocano sbalzi di battito cardiaco, elevate contrazioni muscolari e difficoltà articolare. I numerosi movimenti, come stacchi improvvisi movimenti bruschi, affaticano particolarmente le vene, favorendo la comparsa di varici. Se praticato bene, il tennis può dare i suoi benefici. Prima di cominciare a giocare attraversa la fase di riscaldamento, permettendo al cuore di adattare il suo battito all’attività che andrai a svolgere, ai polmoni di ventilare meglio, alle articolazioni e ai muscoli di andare a compiere lo sforzo a cui si sottoporranno successivamente. Per il riscaldamento, può andar bene un po’ di corsa intorno al campo, susseguito da affondi, salti, rotazione del, delle spalle, delle braccia e del bacino. Tutto questo, servirà a sciogliere il tuo corpo. Per evitare spiacevoli fratture o incidenti durante il gioco, ricordati di utilizzare indumenti e attrezzature adatte, come una racchetta idonea, che non sia troppo pesante (altrimenti difficile da maneggiare e potrebbe provocare una tendinite acuta), senza fili intrecciati maldestramente. Falla, perciò, regolare da un professionista o da un esperto in merito. Bevi regolarmente acqua, in modo da non cadere nello status di disidratazione: con la sudorazione eccessiva per tale sforzo fisico, l’organismo ha bisogno di un sufficiente apporto d’acqua. Dopo la partita o l’allenamento, bevi un succo vitaminico e mangia delle barrette ai cereali che ti restituiranno un po’ di forza persa, così da evitare la stanchezza postuma. Ora, detto questo, approdiamo ai suoi effetti benefici. Il tennis è uno sport definito aerobico-anaerobico alternato, cioè richiede momenti di scatto alternati a momenti di relativo riposo. Questo, non si limita a provocare dei danni, ma comporta anche degli effetti benefici tanto sull’apparato cardiocircolatorio e respiratorio quanto sul tono muscolare dell’intero corpo. Attraverso la pratica del tennis, è facile e divertente scaricare la tensione e lo stress accumulatisi, liberando la mente dai problemi della routine quotidiana e sciogliendo, nel contempo, le tensioni fisiche. Tuttavia, lo schema di gioco, le strategie da adottare e l’utilizzo di tecniche di coordinamento, fanno sì che il tennis sviluppi anche una elevata capacità di concentrazione: ecco perché, spesso, è stato paragonato al gioco degli scacchi. I rapidi ma intensi movimenti, fanno del tennis una macchina brucia calorie: il dispendio energetico è elevato, con valori di dispendio che vanno dalle 400 alle 600 Kcal/h. Inoltre, questo affascinante sport, ripristina un elevato tono muscolare a tutto il corpo e massa muscolare. Prima di praticarlo, si consiglia di sottoporsi a una visita medica approfondita: è, infatti, sconsigliato in caso di problemi cardiaci, articolari o vertebrali. In caso di bambini, è preferibile associare anche altre forme di esercizio fisico, assicurando, in tal modo, anche lo sviluppo armonico dei muscoli: è risaputo che il tennis tende a privilegiare lo sviluppo di un braccio rispetto all’altro.

Load More Related Articles
Load More By Luisa Ardito
Load More In Fitness (attività fisica - movimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Alimentazione in gravidanza – cosa sì, cosa no

Durante i nove mesi di gravidanza è fondamentale controllare, con l’aiuto del medico di fi…