Home Alimentazione - Nutrizione I carboidrati nella nostra dieta

I carboidrati nella nostra dieta

5 min read
0
0
5

I glucidi, che comunemente chiamiamo carboidrati, sono spesso fonte di dubbi e polemiche: la domanda che assilla molte persone, soprattutto quelle alle prese con i problemi di linea e costrette a seguire una dieta, è “i carboidrati fanno ingrassare?”. I carboidrati nella nostra dieta In realtà, la domanda da porsi rispetto ai carboidrati non è solo questa, anzi: ciò su cui spesso molti medici puntano il dito è non solo la capacità dei carboidrati di fare ingrassare – perché strettamente legati all’insulina, “ormone ingrassante” – ma soprattutto indice di interesse sono le problematiche fisiche collegate ad un eccessivo uso dei carboidrati nella propria dieta. Generalmente, ad essere imputati sono i cosiddetti carboidrati complessi, ovvero quei glucidi contenenti amidi raffinati, come gran parte dei prodotti industriali in commercio: torte, pasticcini, merendine, snack per la merenda, e molti altri. Infatti, maggiore sarà l’indice glicemico di un alimento, più velocemente il sangue si arricchirà di glucosio, generando uno sbalzo verso l’alto della glicemia. Il conseguente elevato livello di glicemia nel sangue – chiamato iperglicemia – spingerà l’insulina a ripulire velocemente il sangue dagli zuccheri e immagazzinando questi ultimi nelle cellule adipose. La glicemia, a questo punto, subirà un drastico calo, chiamato ipoglicemia reattiva, e questo indurrà l’organismo interessato non solo a sentirsi stanco e affaticato, ma anche a percepire di nuovo il senso della fame, generando a questo punto un circolo vizioso meglio conosciuto come “inferno dei carboidrati”. Per questo motivo, quindi, è importante ridurre al massimo o comunque limitare i cibi ad alto contenuto glicemico, e preferire ad essi gli zuccheri semplici contenuti nella frutta, nella verdura: non sono i glucidi ad essere il nemico numero uno della forma e della salute, ma l’uso e la quantità a volte spropositate che si fa dei carboidrati complessi, soprattutto  di quelli che contengono amidi artificiali. Un eccesso di carboidrati nella propria dieta, infatti, provoca problemi di salute non trascurabili, come l’obesità, la carie dentale e il diabete: è sempre meglio assumere carboidrati con un livello di indice glicemico medio-basso, come verdura, frutta, e pasta – con moderazione – per mantenere stabili i livelli di glicemia e non ingrassare. Tuttavia, anche la carenza dei carboidrati nella propria alimentazione può essere nociva: infatti, in diete troppo ricche di proteine e grassi, e carenti di carboidrati, aumentano l’ipercolesteromia, le patologie epatiche e renali e addirittura in casi molto estremi si formano i cosiddetti corpi chetonici, che possono condurre al coma. Una dieta adeguatamente corretta, pertanto, deve mantenere un quantitativo equilibrato di proteine, grassi e carboidrati, senza rinunciare o ridurre drasticamente uno di questi elementi: tutti e tre insieme, infatti, contribuiscono al mantenimento di una buona salute e se assunti in maniera equilibrata, saranno altamente benefici per il nostro organismo.

  • I carboidrati

    Il nome scientifico di quelli che impropriamente chiamiamo “carboidrati” è glu…
  • I carboidrati: cosa sono e a cosa servono.

    I carboidrati, detti anche glucidi, sono delle sostanze chimiche composte da carbonio, idr…
  • L’alimentazione e i carboidrati

    La classificazione dei glucidi, o idrati di carbonio, che comunemente chiamiamo carboidrat…
Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
Load More In Alimentazione - Nutrizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…