Home Salute Prevenzione Le tossine batteriche

Le tossine batteriche

5 min read
0
0
6

Quando si parla di tossina, in generale, si intende una sostanza – che può essere prodotta da un organismo animale, vegetale o in alcuni casi microbico – decisamente nociva e dannosa per alcune specie.

La presenza nel sangue umano di tossine viene chiamata tossinemia o tossiemia e fornisce quadri clinici e prognostici tra i più disparati, per capire i quali può rivelarsi utile ricordare alcune delle tossine più pericolose per l’organismo:

    * Micotossine: esse sono delle sostanze chimiche tossiche le quali vengono generate dai funghi e sono responsabili dei fenomeni di avvelenamento causati dal consumo di alcune specie fungine;

    * Tossina ofidica;

    * Tossina batterica;

    * Tossina colerica;

    * Tossina difterica, ovvero quella tossina in grado di localizzarsi a livello della faringe e nelle primissime vie respiratorie.  Il batterio in questo caso non presenta alcuna tendenza alla diffusione, anche se la reazione distruttiva delle cellule della mucosa può essere molto intensa e creare grossi problemi di respirazione;

    * Tossina della pertosse, responsabile – come è facile immaginare – della pertosse;

    * Tossina botulinica, responsabile del botulismo, malattia causata da un’intossicazione alimentare;

    * Tossina tetanica, prodotta da un batterio, il Clostridium tetani e chiaramente responsabile del tetano;

    * Tossina streptococcica

    * Tossina stafilococcica.

Dopo una breve descrizione delle tossine più importanti e responsabili di malattie più o meno comuni, possiamo passare alla classificazione delle tossine batteriche, ovvero quelle molecole nocive prodotte dai batteri, che possiamo suddividere in due grandi gruppi, quello delle ENDOTOSSINE e quello delle ESOTOSSINE.

Il primo gruppo rappresenta ed è costituito da componenti strutturali del batterio, le quali vengono rilasciate e liberate alla sua morte, e per questo vengono giudicate abbastanza pericolose; le esotossine, invece, non sono componenti strutturali, ma semplicemente delle sostanze rilasciate all’esterno dal batterio.

Volendo paragonare – per capire meglio – i due gruppi, diremmo che il gruppo delle endotossine è caratterizzato da natura lipidica, mentre quello delle esotossine da natura proteica, pertanto esse sono assolutamente idrosolubili; inoltre, mentre le endotossine sono termostabili (ovvero presentano una certa resistenza alle alte temperature) non si può dire la stessa cosa per le endotossine, che sono dette invece termolabili; di conseguenza, mentre le endotossine sono più resistenti, le esotossine denaturabili, se trattate con sostanze chimiche; ultima ma non meno importante differenza tra i due gruppi, è che le esotossine stimolano il nostro organismo a produrre anticorpi specifici, mentre ciò non avviene per le endotossine.

Le tossine possono generalmente agire per mezzo di meccanismi diversi:

    * neurotossico, che avviene quando esse agiscono direttamente sul neurone o sulle sinapsi in senso inibente;

    * emotossico, è il meccanismo che si rivela quando esse agiscono sul sangue determinando la distruzione di alcuni elementi figurati come i globuli rossi o alterando i sistemi di coagulazione.

    * citotossico quando invece l’azione delle tossine è rivolta direttamente alla cellula

Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
Load More In Prevenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…