Home Medicina non convenzionale o alternativa Principi ed applicazioni della cromoterapia

Principi ed applicazioni della cromoterapia

5 min read
0
0
20

La medicina alternativa si basa sul concetto secondo il quale la salute del paziente dipenda dall’armonia tra il suo essere e il resto del cosmo che lo circonda. Perciò, se lo stesso soggetto cade in uno stato di disarmonia il suo corpo è portato all’assimilazione non equilibrata di alimenti, bevande e droghe, cercando un rimedio in tali elementi. In questo modo, sempre secondo la medicina alternativa, il soggetto non fa altro che innescare delle perturbazioni magnetiche difficili da riequilibrare. Tutto questo, ovviamente, non rappresenta una colonna portante della medicina tradizionale, livellata su criteri differenti. Tuttavia, la medicina tradizionale, non esclude del tutto queste teorie alternative, ma le accosta lievemente alle teorie e ai rimedi tradizionali. Principi ed applicazioni della cromoterapiaSe la medicina tradizionale si avvale, come rimedio per tutto ciò che esiste di non equilibrato, anomalo e patologico, di farmaci e terapie a base farmacologica, la medicina alternativa si scansa da tali medicamenti, spostando l’attenzione su applicazioni differenti, appunto alternativi. Di grande interesse, per la medicina alternativa, è l’applicazione e il principio della cromoterapia, la quale si avvale di tre elementi per la cura: 1)  acqua; 2)  luce; 3)  elettricità. L’elemento imprescindibile di tale cura è il colore (dal greco cromo: colore). Alla base di tale cura vi è il principio secondo il quale la mancanza di uno specifico colore nell’organismo umano scaturisce una determinata malattia, che può essere compensata apportando il colore giusto nell’organismo attraverso l’impiego di applicazioni interne ed esterne. Si possono utilizzare due metodi per capire quale colore sia il più adatto per ciascun paziente. Il primo metodo riguarda è di tipo astromedico, il secondo, invece, di tipo radioestesico. Principi ed applicazioni della cromoterapia Tale terapia consiste nel posizionare una lastra di vetro di fronte alla parte malata, in grado, secondo la medicina alternativa, di curare le affezioni locali. Per sottoporsi a tale terapia è indispensabile immergersi in un ambiente lucente. Per applicare rimedi interni, con acqua magnetizzata, occorre procurarsi delle bottiglie dalle sfumature di colore variegate; tali bottiglie vanno riempite d’acqua potabile e, una volta chiuse ermeticamente, poste all’esposizione della luce solare per almeno un paio di ore. Maggiore è il tempo di esposizione dell’acqua ai raggi solari, più evidente sarà il colore che l’acqua è riuscita a sottrarre alla bottiglia. L’acqua, in seguito alla colorazione, andrebbe applicata alla zona da trattare, oppure ingerita, senza superare i 30 grammi per ciascuna applicazione. I colori (azzurro, giallo, verde, indaco, arancio) vengono classificati in base ai loro effetti benefici: –  l’acqua azzurra ha proprietà astringente e rinfrescante. Va applicata in caso di infiammazioni; –  l’acqua gialla va applicata per il trattamento della costipazione intestinale; –  l’acqua verde è adatta per curare il freddo; –  l’acqua indaco è un valido aiuto ad espellere il catarro; –  l’acqua arancio è consigliabile per alleviare i sintomi dell’asma. Ribadisco che questi sono rimedi consigliati dalla medicina alternativa, non di certo da quella tradizionale, la quale utilizza metodi scientifici per sperimentare ciascuna cura.

  • Curarsi con i colori: la cromoterapia

    Questa terapia, chiamata anche cromoterapia, si serve dei colori per provocare nel soggett…
Load More Related Articles
Load More By Enrica Prosperi
Load More In Medicina non convenzionale o alternativa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Fabbisogno alimentare di proteine

LE PROTEINE NELL’ALIMENTAZIONE Le proteine dell’alimentazione, oltre ad essere…