I dolcificanti

5 min read
0
0
5

Il dolcificante ( detto anche edulcorante) è una sostanza utilizzata in ambito alimentare per conferire il sapore dolce agli alimenti o alle bevande: in teoria, essi sembrano molto adatti a sostituire lo zucchero, eppure esistono delle dosi massime giornaliere che vanno rispettate se si vogliono evitare degli effetti collaterali gravi.

In particolar modo a questo proposito, può essere utile fare una distinzione tra i dolcificanti naturali e quelli sintetici, che si differenziano per l’origine e le caratteristiche: alcuni dolcificanti, infatti – come il fruttosio e il lattosio – sono sostanze comuni, che non hanno nessun rischio se assunti normalmente e da individui non intolleranti. Per altri dolcificanti, invece, si ritiene necessario fissare un limite di tolleranza e in alcuni casi è importante specificare il solo uso per adulti (un esempio tra tutti è dato dal sorbitolo, sconsigliato ai bambini).

Tra i dolcificanti naturali è utile ricordare:

–         Fruttosio, ovvero lo zucchero che si ricava attraverso un particolare processo dalla frutta e che ha un potere dolcificante maggiore rispetto al saccarosio e un indice glicemico più basso rispetto al glucosio. Esso viene di norma utilizzato nell’industria per dolcificare bevande, gelati e preparazioni dolciarie;

–         Glicirizina, che si estrae dalla radice della liquirizia, ha un potere dolcificante superiore al saccarosio ma un apporto calorico inferiore;

–         Glucosio, che si trova allo stato naturale nella frutta e negli ortaggi;

–         Lattosio, che si presenta come dolcificante di origine animale in quanto presente in soluzione nel latte; esso ha un potere dolcificante inferiore rispetto al saccarosio;

–         Mannitolo, derivato dalla manna, che ha un potere dolcificante inferiore al saccarosio e viene di norma utilizzato come diuretico;

–         Miele, dotato di elevato valore nutritivo e potere dolcificante;

–         Saccarosio, che si ottiene dalla lavorazione della canna da zucchero o dalla barbabietola da zucchero (si tratta a tutti gli effetti del comune zucchero da cucina);

–         Sorbitolo, che si ottiene dalle bacche del sorbo, ha un potere dolcificante che è circa la metà del saccarosio;

–         Stevia, pianta originaria del Centro America, utilizzata come dolcificante ed edulcorante nei paesi al di fuori dell’Unione Europea e degli Stati Uniti;

–         Xilitolo, utilizzato per la preparazione di vari prodotti dietetici ipocalorici e per le gomme da masticare

–         Zucchero di canna, il comune zucchero di color ambra non raffinato.

I dolcificanti detti sintetici sono:

–         Acesulfame potassico, che è dotato di un potere dolcificante di gran lunga superiore al saccarosio e un apporto calorico nullo. La dose giornaliera accettabile secondo la FAO è pari a 15 mg/Kg di peso corporeo;

–         Aspartame, dolcificante di sintesi formato da acido aspartico e alanina, ha un elevato potere dolcificante e una ridotta stabilità al calore. La dose giornaliera accettabile è di 40 mg/kg di peso corporeo;

–         Ciclammato, ha un potere dolcificante 50 volte superiore a quello del saccarosio ed è utilizzato nell’industria come edulcorante da tavola. La dose giornaliera consigliata dalla FAO è in questo caso pari a 11 mg/Kg di peso corporeo;

–         Saccarina, utilizzata principalmente nelle bevande, nelle preparazioni per alimenti per diabetici e come dolcificante da tavola. La dose giornaliera accettabile è di 5 mg/kg di peso corporeo;

–         Sucralosio.

Load More Related Articles
Load More By Enrica Prosperi
Load More In Alimentazione - Nutrizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Fabbisogno alimentare di proteine

LE PROTEINE NELL’ALIMENTAZIONE Le proteine dell’alimentazione, oltre ad essere…