Le droghe

10 min read
0
0
31

Cos’è la droga.
Per droghe generalmente si intendono quel genere di sostanze in grado di modificare, alterandoli, i comportamenti e la percezione della realtà di chi le assume.

L’ONU ha stimato che il 3-4% della popolazione mondiale assume regolarmente droghe. Solo in Europa si calcola vi siano ben 2.200.000 consumatori abituali di cocaina.

Nel nostro Paese un grammo di cocaina costa circa 50 Euro, a beneficio delle organizzazioni criminali, il cui principale business è proprio l’importazione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Vari sono i tipi di droghe disponibili sul mercato TUTTI DELETERI PER LA salute DEL CORPO E DELLA MENTE.
L.S.D. e allucinogeni.
L’ L.S.D è l’allucinogeno più consumato, specialmente dai giovani. Conosciuto anche come acido, è ricavato da un fungo parassita. I suoi effetti iniziano appena dopo 30 minuti dall’assunzione e possono durare anche 12 ore ma a distanza di mesi è possibile che il soggetto sia colto da improvvisi flashbacks, ossia ricordi improvvisi delle esperienze oniriche vissute dopo l’assunzione. L’l.s.d modifica la percezione della realtà circostante, favorisce la confusione fra realtà e fantasia. Il soggetto è colto da allucinazioni visive e uditive, alterazione dei riflessi e perdita delle percezioni corporee. Spesso le sensazioni sono piacevoli ma non è raro che il soggetto viva dei veri e propri incubi.

L’ L.S.D. può essere venduto in varie forme: sottoforma di piccoli pezzi di carta assorbente, sottoforma di francobolli o cartoncini e pillole. Per tagliarlo spesso si usano sostanze altamente tossiche come ecstasy, stricnina o anfetamine.

L’uso frequente di queste sostanze causa assuefazione, depressione, ansia , attacchi di panico e perdita di memoria. In certi casi può portare alla pazzia.

Hashish e Marijuana.
È forse la droga più utilizzata in tutti i ceti sociali anche perché gli effetti permanenti non sono sempre visibili a breve termine. È per questo che è definita droga leggera.

Hashish e marijuana sono entrambe il risultato della lavorazione della cannabis, sostanza derivata dalla canapa indiana. L’hashish si presenta in forma compatta, scura e aromatica (il cosiddetto fumo), mentre la marijuana si presenta in forma di foglie secche tritate (l’erba).

Vari sono gli effetti di queste droghe. Innanzitutto il soggetto si sente lievemente eccitato. Provocano fame e dilatano la percezione del tempo. Nonostante le capacità motorie siano del tutto rallentate, il soggetto si sente più veloce. Quali effetti indesiderati, possono provocare allucinazioni, nausea e cali di pressione fino alla svenimento.

Hashish e marijuana sono stagliate con varie sostanze tossiche: paraffina, fango e in certi casi lucido da scarpe. Per accelerare la crescita del raccolto, i coltivatori usano ammoniaca, sostanza che, inalata, provoca gravi difficoltà respiratorie. 

L’uso abituale di queste sostanze provoca dipendenza psicofisica (ad onta di quanto viene ritenuto da molti), perdita di memoria e disturbi psichici. Può causare anche l’insorgenza della cosiddetta sindrome demotivazionale, cioè l’alienazione del soggetto dalla vita quotidiana e disinteresse per ciò che lo circonda.

Ecstasy.
Spacciata principalmente nelle discoteche, l’ecstasy causa la morte di migliaia di giovani ogni anno…anche per una sola pasticca. Molto spesso infatti i fabbricanti di pasticche usano, per tagliare le pasticche di ecstasy, sostanze altamente tossiche (a volte perfino veleno per topi), quindi una pasticca non è mai uguale all’altra. Una singola pasticca può perciò risultare fatale.

L’ecstasy è un derivato delle anfetamine e provoca effetti eccitanti e allucinogeni. Gli effetti iniziano a comparire dopo 20-40 minuti e durano dalle 6 alle 8 ore. Può consentire ad un ragazzo di ballare per ore senza accusare sonno o stanchezza e di rompere i freni inibitori.

Le anfetamine in generale infatti agiscono sulla produzione di serotonina, sostanza che genera sensazioni euforia e felicità.

Si ritiene che le anfetamine non creino dipendenza. Ciò è assolutamente errato. Nei soggetti che le usano abitualmente è riscontrabile dipendenza psicofisica, generando sensazioni di malessere fino alla successiva assunzione.

Cocaina.
È ritenuta a pieno titolo la droga per eccellenza. È un derivato della foglie di coca, pianta coltivata specialmente in Sud America. Generalmente iniettata per via endovenosa o sniffata sottoforma di polvere, la cocaina provoca gravissimi stati di dipendenza che portano il soggetto anche a delinquere pur di procurarsi il denaro per altre dosi. Iniettata nelle vene, aumenta vertiginosamente il rischio di overdose o intossicazione acuta. I suoi effetti producono generalmente stati di sovraeccitazione limitando notevolmente la capicità di valutare correttamente i pericoli e le situazioni.
Se il soggetto non si ferma in tempo o aumenta di troppo la dose, rischia l’overdose. Segni da overdose sono: allucinazioni, delirio, comportamento violento, svenimento, ictus, collasso circolatorio, infarto, convulsioni, arresto respiratorio.

Segni di intossicazione acuta da cocaina sono: gola secca, eccitazione, emicrania, allucinazioni, tremori, nausea, respiro accelerato, tachicardia, ansia, bocca e dita contratte nonché aggressività. Tali sintomi sono gli stessi dell’astinenza.

Eroina e morfina.
La morfina, usata anche in ambito farmaceutico come antidolorifico, è un derivato dell’oppio e l’eroina è invece un derivato della morfina.

L’eroina può essere fumata, sniffata o iniettata. A differenza della cocaina gli effetti sono di tipo depressivo e produce una fortissima dipendenza fisica e psichica.

L’uso ripetuto è causa di assuefazione: il soggetto deve assumerla in dosi sempre maggiori e più volte al giorno. Perciò chi inizialmente la fuma o la sniffa passa necessariamente alle iniezioni.

La dipendenza fisica provoca crisi d’astinenza. Le crisi, violente e dolorose, possono essere bloccate solo da farmaci specifici o da altra eroina. Chi è in astinenza è disposto a tutto pur di ottenere una dose.

Load More Related Articles
Load More By Giovanni Colombo
Load More In Prevenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo

Che cosa è la biologia sintetica e come cambierà il cibo Più di un secolo fa, i produttori…