Home Sport Arti marziali Allenamento femminile: il Jukari

Allenamento femminile: il Jukari

6 min read
0
0
13

Se siete stufe del solito allenamento in palestra e avete voglia di cambiare, non perdetevi un nuovo tipo di disciplina a metà tra lo sport e il gioco: il Jukari, che negli States sta ottenendo un tale successo da essere ormai diventato il metodo per tenersi in forma preferito dalle star, tra cui le celebri modelle Helena Christensen e Kelly Brook.

Ma dov’è la novità rispetto ad altri corsi di fitness?

Innanzitutto nella dinamicità, che consente di allenarsi divertendosi e di conseguenza pensando meno alla fatica; tutti gli esercizi devono essere necessariamente svolti con l’aiuto della band, una lunga e particolare fascia elastica che, mentre stimola mobilità e flessibilità del corpo, al tempo stesso ha il potere non di poco conto di rendere più allegra la sessione di ginnastica, facendoci sentire più leggere e quasi leggiadre come farfalle.

I benefici del Jukari sono molteplici, vediamo di contemplarne almeno i principali.
Si tratta di una disciplina, come abbiamo detto, dinamica, piuttosto veloce e a ritmo sostenuto, caratteristiche che la rendono, oltre che ottima dal punto di vista strettamente fisico e muscolare, anche un allenamento perfetto per stimolare nel modo giusto il muscolo cardiaco e per “farsi il fiato”, come si usa dire in gergo sportivo.

I movimenti sono molto simili a quelli dello stretching, solo che,  nel caso del Jukari, vengono mantenuti non oltre i due secondi di tempo, quel tanto che basta per dare al muscolo l’impulso di allungarsi, senza che però giunga ad avere la possibilità di contrarsi.
Pertanto si intuisce quanto esso sia un tipo di ginnastica completo, che coinvolge ogni parte del corpo, aiutandone la flessibilità ma anche la tonicità.

Si sa quanto le donne, soprattutto quelle di costituzione tipicamente mediterranea, tengano al miglioramento dei loro “punti critici”, fianchi, addome, glutei e cosce; ebbene, il Jukari rappresenta un ottimo esercizio di tonificazione e rassodamento, entrambi favoriti dall’uso dell’elastico, che serve a contrarsi maggiormente mentre si mantiene la posizione, e che rende ogni movimento più efficace opponendovi una naturale resistenza.

Ovviamente, come per ogni altro corso da palestra che si rispetti, anche il Jukari prevede una bella musica di sottofondo; la melodia allegra, accattivante e leggera, regala maggior gioia nello svolgimento delle varie sequenze con la band, rasserena la mente aiutandola a distrarsi, e di conseguenza rende lo sport più gradevole e meno pesante.

Come fare e a chi rivolgersi per imparare questa nuova disciplina?

Il programma è il risultato della collaborazione fra Reebok e Cirque du Soleil, ed è appena giunto in Italia nei club Fitness First; per avere maggiori informazioni potete connettervi al sito web http://www.fitnessfirst.it, oppure potete telefonare al numero 800606085.

Davvero un’ottima idea per trascorrere le lunghe e fredde giornate invernali che ci aspettano: divertirsi facendo del bene a noi stessi, sia al corpo che alla mente, oltre che la soluzione migliore per allenarsi in tempo ed evitare la depressione pre-estate che colpisce la maggior parte delle donne alle soglie della bella stagione, quando rotolini, pelle flaccida, grasso localizzato e l’immancabile pelle a buccia d’arancia rischiano di rovinarci la temuta “prova bikini” e le tanto sospirate vacanze.

Load More Related Articles
Load More By Luisa Ardito
Load More In Arti marziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also

Alimentazione in gravidanza – cosa sì, cosa no

Durante i nove mesi di gravidanza è fondamentale controllare, con l’aiuto del medico di fi…